Venice is not sinking

Fonte

L'articolo di seguito presentato è stato scritto da Isabella Scaramuzzi e pubblicato dalla rivista:


Venice is not sinking


La rivista, un progetto curato dallo Studio Camuffo, è in vendita al prezzo di 5,00.



Numeri & immagini

La popolazione a ieri

Ieri, 15 marzo 2005 alle ore 20.38, i veneziani erano 271.006, di cui 63.247 in città antica (escluse le isole e il Lido).


In un mondo di ruote, w i pedoni

43, veneziani su 100 hanno una automobile, sono 286 per chilometro quadrato e sono aumentate tra 2000 e 2001 dell'1%.
La straordinaria pedonalità della città antica determina una situazione particolare in un mondo sempre più montato sulle ruote, e un territorio dove moltissime famiglie hanno due o più vetture. Il valore di Milano è pari a 61 autovetture ogni 100 abitanti.


L'energia delle città

Nella città delle acque, al 2001, l'abitante consuma 67 metri cubi all'anno di acqua. 1.120 kilowattora di energia elettrica, 669 metri cubi di gas. L'Università di Siena ha dimostrato che l'impronta ecologica (la zampa che l'umanità imprime sull'ambiente) è nella nostra provincia già largamente insostenibile e ci salva solo la presenza del territorio Lagunare: salvati dalle acque!


Garbage tour

A Hollywood i turisti vengono guidati attraverso il garbage tour, basato sulla attrattiva di rumegare tra le cose che i divi rifiutano. Ognuno ha i propri gusti, e i veneziani -famosi o oscuri- producono le proprie scoasse, passibili di future iniziative turistiche: nel 2002 552 chili procapite di indifferenziata, 123 di differenziata, in totale 677 chili: un uomo cisterna, come direbbe Maurizio Milani. Nella città del turismo di Jesolo, la produzione totale di scoasse è quasi il doppio (1.380 chili procapite nel 2000)! Specificatamente uno scoasse tour potrebbe contare, a Venezia, su 34 chili per abitante di carte, 15 chili di vetri (non sempre marchiati Murano), 4.5 chili di plastica (non sempre derivata dalla chimica di Marghera).


Una città troppo accogliente?

Nelle struttture ricettive dell comune di Venezia sono arrivati, nel 2004, 3.018.609 turisti che pernottando per 2,30 notti, generano quasi7 milioni di presenze. Meno della metà dormono nella città antica, 3.453.863. Si stima, invece, che il complesso di pernottanti ed escursionisti (chi non dorme) raggiunga ormai, nel cuore lagunare, i 15 milioni.
Una pressione che qualcuno considera un eccesso di ospitalità, forse fatale.


Letti di cura, letti di svago

Nel 2000 in comune si registravano 0,6 posti letto ospedalieri ogni 100 residenti. La durata media delle degenze era di 11 giorni. La dotazione di letti turistici risulta invece di 11letti ogni 100 residenti. Una particolare forma di benessere?
Nella città antica, dopo 30 anni di stasi nell'offerta ricettiva, dal Giubileo del 2000 in poi si è registrata una cospicua crescita di offerta, sia alberghiera che in B&B e appartamenti. Tra 1998 e 2003 i letti totali sono passati da 13 mila a quasi 17 mila. A Mestre e Marghera, M&M, i posti letto turistici sono oltre 10 mila.


La Cina è vicina a Mestre

Cina e cinesi sono temi alla moda. Tra i turisti che dormono a Venezia gli ospiti di Marco Polo sono ancora una quota di nicchia rispetto a statunitensi, giapponesi, europei. Nel 2000 arrivavano, negli alberghi veneziani, poco più di 55 mila cinesi, ma nel 2004 hanno già oltrepassato la quota 101 mila. Molto interessante che la loro netta maggioranza pernotti negli hotel a Mestre e Marghera invece che in città antica: nel 2000 il rapporto di cineseria tra M&M e la Venezia Pesce (di Tiaizano Scarpa) era di 5a 1, nel 2004 è di 8 a 1.


Spegni la TV

Gli abbonamenti alla RAI, nel 2001, in comune sono 97.368, 79 ogni 100 famiglie. Quando non guardano la televisione i veneziani fruiscono di spettacoli teatrali e musicali, generando, nel 2002, 267.614 biglietti (ma potrebbero essere anche ospiti foresti!) per 2.180 rappresentazioni annue con una spesa di 6.828.405 euro (25,5 euro per biglietto), oppure vanno al cinema con 857.510 biglietti e spendono 4.004.002 euro (4,67 euro per biglietto).


Casa dolce casa

Le spese per ICI dei veneziani, invece, sono nel 2002 pari a 63.883.000 euro (237 euro per abitante).



I numeri sono tratti dai siti del Comune, dell'Istat e del COSES. Sono stati scelti da Isabella Scaramuzzi.


elenco Studi in corso