NEWSLETTER COSES
Numero ZERO - Marzo 2004


Il numero zero della Newsletter COSES (inviata ogni due mesi via e-mail) esce in occasione della COEP2 Conferenza Economica Provinciale, 29-30 marzo 2004. Pertanto vengono segnalate, tra le novità del Sito COSES quelle che contribuiscono a descrivere ed interpretare la realtà provinciale.


1. LA DEMOGRAFIA SPIEGA DUE TERZI DI OGNI COSA?

Il COSES, insieme a Istat e Provincia, pubblica l’Annuario Provinciale 2003 (in CD e nei propri Siti Internet). L’icona che riportiamo, relativa alla dinamica demografica per Comune del decennio 1991-2001, č solo uno dei molti materiali informativi che l’Annuario contiene, su vari temi: popolazione, lavoro, abitazioni e opere pubbliche, istruzione, territorio e ambiente, struttura produttiva, turismo, trasporti, credito, reddito e finanza locale.
Oltre a dati, grafici, serie storiche e indicatori (aggiornati rispetto all’edizione 2000), l’Annuario 2003 offre anche confronti tra Venezia, Veneto e Italia. Se č vero che la demografia spiega molto di un territorio, del suo sviluppo e della sua qualità –da ultimo anche il Presidente Ciampi richiama l’attenzione sulle culle vuote– guardando la mappa della provincia, possiamo farci una prima, immediata idea, degli ambiti forti (quelli blu), emergenti, in controtendenza. Con gli altri dati dell’Annuario Provinciale 2003 potremo approfondire descrizioni e interpretazioni.


2. I COLLI DI BOTTIGLIA NEL TRASPORTO

Il COSES, con Sistemi Operativi, ha redatto uno studio sulle relazioni tra il sistema di trasporto e l’economia (committente la Camera di Commercio, 2003). La provincia risulta al 24° posto per accessibilità tra le province italiane; Sandonatese e Miranese gli ambiti con performance migliori, Clodiense e Portogruarese gli ambiti con maggiore impedenza. Se si intervenisse per colmare il gap del Veneto nei confronti del Nord (Lombardia e Emilia), la rimozione di alcuni colli di bottiglia permetterebbe alla già efficienza della rete di migliorare la produttività economica del sistema, soprattutto della provincia di Treviso ma anche alla nostra e, in particolare, quella del settore agricolo (alta incidenza del costo di trasporto).


3. VENEZIA NELLE SPAZIO EUROPEO

Nell’ambito degli Studi per il Piano Strategico della città di Venezia, il COSES ha utilizzato uno studio della DATAR 2003 che propone un ranking di città europee in cui il capoluogo di provincia ben figura, grazie alla propria complessità economica (segnatamente cantieri, cultura, industria, porto e turismo), alle infrastrutture (porto e aeroporto), a prestigio/richiamo cosmopolita (ospitalità, eventi, attrazioni). Il grafico mostra la posizione delle città europee in classe V (su otto classi totali: nella prima solo Parigi e Londra) rispetto a tre fattori: il ruolo produttivo (dove la complessità č un vantaggio rispetto alla specializzazione, che penalizza la città tessile di Manchester), il rango delle funzioni urbane (che, per Venezia, non sarebbero giustificate dalla taglia demografica, all’opposto di quanto avviene per Napoli e Torino) e il punteggio complessivo nel ranking DATAR (la dimensione delle bolle: Venezia ha 34 punti, Parigi 81). In uno scenario sempre più competitivo e globale la provincia può, dunque, contare su un buon classamento della propria “capitale” (in regione, Padova ha 27 punti e Verona 30).


4. DIAMO SPAZIO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Monitor č una ricognizione sull’offerta e sullo stato di attuazione delle aree produttive presenti nel territorio provinciale che il COSES ha condotto a due date, il 1997 e il 2002. Nei 5 anni l’offerta di siti cresce del 21%, aumentando in assoluto di 719 ettari. La quota di territorio destinata a funzioni produttive č, al 2002, pari a 4.142 ha, in 140 siti. L’incremento percentuale più rilevante (contando anche le previsioni urbanistiche in corso di approvazione) si registra nell’area meridionale (+224%). Seguono Sandonatese e Riviera del Brenta (+32% e +27%). E’ incrementato anche l’utilizzo delle aree (+40%): al 2002 la percentuale si attesta sul 62% dell’offerta complessiva; era al 53% nel 1997. Nell’area centrale della provincia il tasso č vicino all’80%. Sandonatese e Portogruarese fanno rilevare nei 5 anni il più intenso processo di occupazione delle aree produttive: + 92% il primo, + 85% il secondo. Le quotazioni più elevate si registrano nell’area centrale: 150-170 Euro al mq per superfici urbanizzate, i valori più bassi si riscontrano nell’ambito meridionale e in alcuni comuni della Venezia orientale.


Just Updated

5. LA PROVINCIACOSA FA, QUANTO E COME

Nel 2002 il COSES ha condotto una elaborazione delle Fonti Contabili (Bilancio, PEG e RPP 2001-2003) della Provincia, al fine di documentare cosa l’Ente fa, quanto lo fa e come; quale sia la sua presenza nell’arena degli attori locali; quali potrebbero essere progetti integrati che ne esaltino specializzazione, evidenza e risultati. Secondo tutte le Fonti esaminate, per il 2001, il peso delle voci trasporti e mobilità, viabilità e strutture scolastiche č determinante: la Provincia fa strade e scuole (spende in edilizia, trasporti, viabilità oltre il 56%; il 34% č per risorse umane e gestione istituzionale. Tuttavia molti sono i compiti che qualitativamente pesano per progetti, azioni e collaborazioni nell’ambito di area vasta (pur pesando poco nei bilanci): formazione, mercato del lavoro, ambiente, turismo. La ricerca propone alcuni esempi di progetti integrati e, sulla scorta di interviste ai responsabili di settore, anche diverse visioni sul ruolo che la Provincia potrebbe avere in futuro: quello di rete dei servizi tecnici articolata in agenzie autonome o, all’opposto, quello di attore strategico di area vasta e per ambiti, per uno sviluppo territoriale integrato.


6. A VENEZIA SI GIRA

Il COSES con Mestiere Cinema ha redatto nel 2003 per il Comune la prima indagine sulla dimensione economica delle riprese cinetelevisive: quante location ogni anno (218), quante unità di lavoro (309 tra dirette e indirette) e quanto rende alla Città essere una diva dello spettacolo (12mila euro di Cosap su un valore dei set di 18,5 milioni di euro, nel 2002).


COSES
Consorzio per la Ricerca e la Formazione
San Polo 1296 - 30125 Venezia
Tel. 041/2712211 - Fax 041/2712210

Se la presente newsletter vi è arrivata per errore, oppure non desiderate più riceverla, è sufficiente inviare all'indirizzo webmaster@coses.it una e-mail con oggetto "cancellazione". Sarà in ogni caso possibile iscriversi nuovamente alla mailing-list del COSES inviando al sopra citato indirizzo una e-mail con oggetto "iscrizione".
Per eventuali comunicazioni si prega di non rispondere alla presente, ma di utilizzare la pagina dei "contatti" o ricercare l'indirizzo e-mail del proprio referente nella pagina "Staff-COSES".
Gli indirizzi e-mail presenti nella mailing-list del COSES sono trattati nel rispetto del "Codice in materia di protezione dei dati personali". L'informativa ai sensi dell'art. 13 D.lgs n. 196/2003 è consultabile nel sito internet del COSES.